Il miglior notebook per l'editing video

Molti notebook oggi sono sufficientemente potenti da consentire l'editing video. Analizza le tue esigenze e fai le tue valutazioni prima di acquistare.

La scelta del notebook giusto per l'editing video inizia dalla comprensione delle tue esigenze attuali e future, per arrivare alla valutazione delle migliori opzioni disponibili nella fascia di prezzo obiettivo.

Ti avvicini all'editing video per la prima volta? Stai cercando di capire qual è il miglior notebook per l'editing video? Ecco qualche consiglio Non iniziare dal notebook, inizia da te.

Prima ancora di iniziare a esaminare le velocità di clock del microprocessore, la memoria interna o quella esterna e tutte le altre specifiche che distinguono un notebook dall'altro, analizza le tue specifiche. Che tipo di video modificherai? Che tipo di risultato vuoi ottenere?

Se stai girando un documentario per il Sundance Film Festival*, è un conto. Vorresti immortalare per sempre la prima lezione di nuoto di tua figlia, ma devi tagliare la parte in cui il tuo pollice era la vera star dello spettacolo? Beh, questo comporta requisiti molto diversi.

Di cosa hai davvero bisogno?
Il motivo per cui dovresti prima pensare a quali saranno i tuoi prossimi progetti di editing video è molto semplice: il costo. Sono certamente preferibili specifiche di fascia alta, come schermi ad alta risoluzione, velocità di calcolo elevate e maggiore capacità di memoria, ma sono anche scelte più costose. Se vuoi pensare al futuro, puoi acquistare ciò di cui hai bisogno adesso e pianificare già un'espansione futura. Ecco alcuni aspetti specifici da considerare:

i tuoi contenuti La scelta del tuo notebook deve essere fortemente influenzata dal tipo di video che vuoi produrre. Ad esempio, se stai realizzando video per i social per promuovere la tua attività, avrai bisogno di aggiungere del testo in sovrimpressione in alcuni filmati. Sofisticate capacità di editing audio e buoni altoparlanti faranno la differenza se vuoi editare le registrazioni dell'ultimo concerto della tua band. I progetti artistici, d'altra parte, sono esaltati da un'accurata rappresentazione dei colori ad alta risoluzione.

Come prevedi di lavorare. Avrai scadenze pressanti da rispettare? Allora la velocità è la cosa più importante. Se sei sempre in viaggio, potresti invece privilegiare peso ridotto e maggiore durata della batteria.

Periferiche esterne Per l'editing video è necessario collegare al tuo notebook periferiche esterne, come monitor, dispositivo di input o storage aggiuntivo. Devi assicurarti che il notebook scelto abbia ingressi adeguati sia nel numero che nella tipologia come, ad esempio, l'HDMI.

Software La qualità della tua esperienza di editing dipende dal giusto abbinamento di software e hardware. Non tutti i software funzionano su tutti i notebook. Prendi in considerazione le raccomandazioni del tuo software di editing video prima di effettuare qualsiasi scelta hardware.

Come orientarti tra le specifiche
Una volta definite le tue esigenze, puoi iniziare a fare acquisti. Dovrai destreggiarti tra una serie infinita di specifiche. I test utilizzati per creare queste specifiche non sono solo complicati, ma spesso controversi. Trovare il miglior notebook per l'editing video non è solo questione di specifiche; si tratta di trovare il pacchetto più adatto a te. Tienilo a mente mentre esamini le specifiche.

Processore
La velocità è tua amica quando devi scegliere un processore per l'editing video. Capire quale sia effettivamente più veloce non è semplice come confrontare l'accelerazione da 0 a 100 km/h di diverse automobili. Stabilire quale sia il processore migliore significa comprendere l'impatto del design del processore sul tuo lavoro. Hai bisogno di un processore a sei core? Quattro core? O un dual core è sufficiente? E l'hyper-threading? Se non vuoi arrivare a questo livello di dettaglio, ecco un semplice trucco: maggiore è la frequenza di clock del processore in una determinata famiglia di processori, meglio è. In questo momento, la frequenza di clock per i migliori candidati varia da circa 2,8 GHz a 3,6 GHz, ma i numeri cambiano continuamente.

RAM (Random Access Memory)
La RAM è importante perché è dove la CPU va a cercare i dati che utilizza per eseguire il tuo editing video. Più veloce è lo scambio di dati, più veloce sarà l'editing. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che è necessario un minimo di 12 GB di RAM, ma 16 GB sono una scelta migliore. Inoltre, esistono tre tipi di RAM: SDRAM, DDR e DRAM. La SDRAM è la tecnologia più vecchia, quindi aspettati prestazioni più scadenti. Infine, ci possono essere uno, due o tre canali che collegano la RAM alla CPU. Tre canali sono ovviamente la soluzione più veloce, ma i test relativi al gaming (che pongono sfide simili all'editing video) indicano che il numero di canali non ha un grande effetto sulle prestazioni reali. E, anche in questo caso, la quantità di RAM supera di gran lunga ogni altra considerazione.

Un avvertimento: non dare per scontato che potrai aumentare in futuro la quantità di RAM. Alcuni notebook lo consentono, ma altri no.

Scheda grafica
A meno che tu non voglia eseguire solo editing video di base, ti consigliamo un notebook dotato di scheda grafica. Per motivi tecnici, anche i sistemi di editing di medio livello delegano l'elaborazione grafica dalla CPU alla GPU (unità di elaborazione grafica). Se possibile, evita i notebook che non adottano questo approccio. Probabilmente saranno troppo lenti. Inoltre, tieni presente che alcuni software di editing video raccomandano (o addirittura richiedono) una specifica scheda grafica o una gamma di schede di una determinata marca e alcune schede grafiche sono compatibili solo con determinate CPU. Vale la pena di verificare.

Le principali specifiche per le schede grafiche sono la velocità di clock della GPU e i frame al secondo (FPS) per dollaro. Tuttavia, le schede grafiche sono molto complicate e queste specifiche devono essere valutate nel contesto complessivo del notebook. Ad esempio, una CPU lenta limiterà qualsiasi scheda grafica, indipendentemente dalla velocità di quest'ultima.

Porte
I notebook per l'editing video offrono le più svariate quantità e tipologie di porte per collegare dispositivi esterni, come monitor o dischi rigidi. È molto importante pensare preventivamente a quali dispositivi ti servono adesso o potrebbero servirti in futuro, perché se non c'è un porta adatta a loro, non potrai fare molto.

Audio
Se i tuoi contenuti includono musica o audio ambientale importanti, poterli ascoltare con un'elevata fedeltà del suono è, ovviamente, determinante. Gli altoparlanti di alcuni notebook sono decisamente migliori rispetto ad altri. Non servono specifiche per valutarli; le tue orecchie saranno più che sufficienti. Molti editor preferiscono invece usare le cuffie, che sono quasi sempre superiori agli altoparlanti dei notebook. Per i video in cui l'audio è di primaria importanza, considera l'aggiunta di altoparlanti esterni.

Storage
Come regola generale, ti serve circa il doppio della capacità di storage necessaria per ospitare il tuo file di origine, anche il triplo se vuoi lanciarti in qualcosa di più complesso, come tanti effetti speciali. Ma non dimenticare che, oltre ad archiviare i file di origine per l'editing, devi anche poter archiviare il video finito. I file video occupano molto spazio: 500 GB probabilmente sono da considerare il minimo, mentre 1 TB è una scelta più sicura.

Fortunatamente, non devi fare affidamento esclusivamente sullo storage integrato nel tuo notebook. I dischi rigidi esterni possono aiutarti a massimizzare la capacità di storage, senza pesare troppo sul tuo portafoglio. Puoi scegliere tra unità standard (HDD) a dischi rotanti e unità a stato solido (SSD), che sono più veloci e non hanno parti mobili. Gli SSD, tuttavia, sono più costosi. Una soluzione ibrida può offrirti il meglio di entrambe le tecnologie: un veloce SSD integrato per gestire i file di lavoro e un ampio HDD esterno per lo storage.

Devi anche pensare all'interfaccia tra disco rigido esterno e notebook. Di certo vuoi evitare di rimanere bloccato ogni pochi minuti mentre attendi il trasferimento di un file. Esistono diverse opzioni, che vanno da un minimo di 6 Gbps (USB 3.1) a un massimo di 40 Gbps (tecnologia Thunderbolt). Più file prevedi di scambiare con il disco rigido, più importante diventa questo numero.

Quando editi un video sono tanti elementi che competono per un po' di spazio su schermo.

Christopher St. John, un direttore creativo indipendente

Pannello LCD
Esistono tre tipi di pannelli LCD e la scelta giusta può fare la differenza.

  • I pannelli TN (Twisted Nematic) sono i più comuni ed economici, ma la convenienza si paga con una qualità insufficiente per l'editing video
  • I pannelli IPS (In-Plane Switching) sono la scelta più indicata
  • Gli IGZO (Indium-Gallium-Zinc Oxide) sono rari, costosi, ma garantiscono la massima qualità per i videomaker professionisti

Risoluzione
La risoluzione è una specifica piuttosto intuitiva. Ogni livello è definito dalla larghezza per altezza (LxA) in pixel dello schermo. Le più comuni sono:

  • Alta definizione: 1920x1080. Nota anche come Full High Definition (FHD) o 1080p
  • Retina Apple*: 2880x1800
  • 4K: 3840x2160. Talvolta definita Ultra High Definition o UDF

La maggior parte dei notebook ha una risoluzione molto più bassa rispetto ai 1920x1080 che la maggior parte dei videomaker considera il livello minimo accettabile.

Fedeltà cromatica
Esistono diverse definizioni scientifiche dello "spazio colore" offerto dagli schermi dei notebook, ma è più facile descriverlo in questo modo: lo spazio colore è il numero di colori differenti che un monitor è in grado di visualizzare. Il più comune è sRGB (rosso, verde, blu standard), sebbene Adobe RGB* segua a ruota. I produttori spesso esprimono la fedeltà cromatica come percentuale di sRGB e, di solito, è superiore al 100% perché sRGB non copre tutti i colori che l'occhio umano può percepire.

Uno sguardo al futuro
Una cosa è certa sul futuro dell'editing video: i file diventeranno più grandi. Con le videocamere 4K sempre più diffuse e la realtà virtuale dietro l'angolo, quando si tratta di capacità e potenza di calcolo, ciò che oggi può essere considerato un lusso domani sarà lo standard.

Specifiche principali da considerare

Usa questa tabella per iniziare la tua ricerca.

 

Di base

Buono

Migliore

PROCESSORE: con l'aumentare della risoluzione dei file, aumenta anche l'importanza di una CPU veloce. <2,8 GHz 2,8 GHz - 3,8 GHz 4,2 GHz
RAM: punta a ciò di cui hai bisogno, perché molti sistemi non sono così facili da aggiornare.

8 GB

12 GB

16 GB

Risoluzione dello schermo

1366x768

1920x1080

3840x2160

Scopri i vantaggi dei dispositivi basati su Intel

2 in 1

Un 2 in 1 basato su un processore Intel® Core™ combina le prestazioni di un notebook con l’ultra mobilità di un dispositivo elegante e super sottile. Con una gamma di design intelligenti ed eleganti e schermi di varie dimensioni, esiste certamente un 2 in 1 con tecnologia Intel che fa al caso tuo.

Per saperne di più

Notebook

Sfrutta tutte le possibilità di un PC portatile con i notebook basati sui nuovi processori Intel® Core™. Dotati di potenza e reattività senza precedenti, ti aiuteranno a portare produttività, creatività e intrattenimento a un livello superiore.

Per saperne di più