Cosa fare se non si riesce a connettersi a 300 Mbps con il dispositivo 802.11n

Documentazione

Risoluzione dei problemi

000006491

28/10/2021

Raggiungere le prestazioni massime per il dispositivo 802.11n richiede diverse funzionalità chiave da implementare.

Assicurarsi innanzitutto di avere un router wireless che supporti completamente 802.11n.

Cosa significa?

802.11n include il supporto per il channel bonding. È possibile implementare il channel bonding in 2,4 GHz, ma non è efficace come 5 GHz. La banda a 2,4 GHz ha tre canali. L'incollaggio di due di essi influisce sui router wireless nelle vicinanze che utilizzano questa banda. È possibile avere solo un singolo canale incollato a 2,4 GHz. È anche possibile che i router wireless nelle vicinanze che utilizzano uno dei canali legati causeranno interferenze sulla rete 802.11n, riducendo le prestazioni.

Nella banda a 5 GHz, sono disponibili molti altri canali. Avere diversi router wireless nella stessa posizione è la soluzione ottimale per raggiungere le velocità massime di 802,11n.

Le antenne sono un altro elemento chiave per migliorare le prestazioni 802.11n. Più antenne in genere migliorano le prestazioni. Attualmente la maggior parte dei dispositivi ha due o tre antenne.

Un altro elemento importante è il supporto completo per le funzionalità IEEE. Le funzionalità MAC migliorate di intervallo di guardia corto, aggregazione di pacchetti e spaziatura interframe ridotta (RIFS) migliorano notevolmente l'efficienza del livello MAC.

La tabella seguente mostra che due flussi spaziali con l'incollaggio dei canali nella banda a 5 GHz e il supporto per l'intervallo di guardia breve IEEE offre le migliori prestazioni.

Rivolgersi al produttore del router wireless per verificare se il router supporta tutte queste funzionalità.
 

Table showing that two spatial streams with channel bonding in the 5 GHz band and support for the IEEE short guard interval gives the best performance