Alimentatore per PC: come scegliere la soluzione adatta alle tue esigenze

In primo piano:

  • Cavi

  • Potenza

  • Protezione

  • Efficienza

  • Fattore di forma

BUILT IN - ARTICLE INTRO SECOND COMPONENT

Gli alimentatori sono spesso trascurati, ma costituiscono un componente essenziale di qualsiasi sistema desktop. Diamo un'occhiata ai principi di base, così da sapere cosa prendere in considerazione quando scegli una nuova PSU.

L'unità di alimentazione (PSU) forse non è il componente per PC più noto, ma è un elemento fondamentale per qualsiasi sistema desktop. Fornire alimentazione al tuo sistema è estremamente importante e utilizzare la PSU sbagliata potrebbe costarti caro.

Ecco perché andremo a scoprire insieme le nozioni di base sulle unità di alimentazione e ti forniremo le informazioni necessarie per capire perché avere la PSU giusta è importante e perché scegliere la soluzione più economica non è l'opzione migliore.

Un nuovo tipo di connettività

Cominciamo analizzando i diversi cavi che gli alimentatori utilizzano per fornire potenza al tuo sistema.

Nonostante la PSU che acquisti dovrebbe già essere dotata di tutti i cavi necessari, vale la pena approfondire che aspetto hanno i diversi connettori. I cavi che effettivamente utilizzerai variano a seconda delle specifiche della tua configurazione, tuttavia, molto probabilmente, avrai a che fare con quanto segue:

  • Scheda madre a 24 pin: il modo in cui l'alimentazione viene gestita varia a seconda della scheda madre, tuttavia, il connettore/cavo a 24 pin viene frequentemente utilizzato per alimentare importanti funzionalità come chipset e PCIe*.
  • CPU 4/8 pin: questo connettore alimenta la tua CPU. Le CPU moderne consumano più potenza rispetto alla configurazione con scheda madre a 24 pin, motivo per cui è stato introdotto il cavo a 4/8 pin. Sebbene questo possa variare a seconda del produttore, in layout standard, il cavo della CPU di solito si collega alla parte superiore sinistra della scheda madre, vicino all'I/O.
  • 6/8 pin (PCIe*/GPU): alcune GPU sono alimentate direttamente dallo slot PCIe*, mentre altre, per funzionare correttamente, richiedono una specifica configurazione tramite cavo di alimentazione. La maggior parte delle PSU risolvono la questione della flessibilità fornendo cavi che possono essere utilizzati in varie combinazioni, inclusi connettori a 6, 8, 6+6, 8+6, 8+8 e persino 8+8+8 pin. Le unità PSU sono spesso dotate di diverse connessioni su un singolo cavo per evitare l'impiego di cablaggi aggiuntivi; per la grande maggioranza degli utenti, questo sistema può essere assimilabile alla presenza di più cavi. Prima di acquistarlo, verifica con cura che l'alimentatore sia provvisto delle connessioni di cui hai bisogno per la tua GPU.
  • Alimentatore SATA: questo connettore viene utilizzato per alimentare i dispositivi di archiviazione SATA. Anche altri dispositivi hanno adottato tale standard, ad esempio, gli hub RGB e i controller della ventola. Molte PSU hanno diverse connessioni SATA su singolo cavo per ridurre la quantità di cavi richiesti.
  • Molex a 4 pin: connettore sempre più raro che è stato sostituito dal SATA. I connettori Molex sono generalmente utilizzati per accessori meno comuni, come le pompe dei sistemi di raffreddamento ad acqua.

Quanti Watt?

Quando si sceglie una nuova PSU, una delle domande più comuni è: "Quanti Watt servono?" Come capita spesso nel mondo dell'hardware per PC, la risposta varia molto a seconda delle esigenze specifiche del tuo sistema.

In generale, sistemi più complessi richiedono una maggiore potenza di alimentazione. Un sistema desktop con circuito di raffreddamento personalizzato a liquido, un scheda madre di fascia alta e una doppia GPU necessitano di una potenza superiore rispetto a un sistema più semplice.

È impossibile dare una raccomandazione esatta senza conoscere l'hardware che stai usando, tuttavia, utilizzando un calcolatore di potenza per PSU o stabilendo il fabbisogno delle diverse componenti interne e facendone la somma, puoi fare una stima di quanti Watt ti servono.

Come regola generale, è preferibile selezionare una potenza superiore alle tue effettive esigenze. Se hai calcolato che il tuo sistema assorbirà 500 W (un valore comune per un sistema da gaming semplice), scegliere una PSU da 600 o 650 W potrebbe essere una buona opzione, in quanto ti darà un certo margine e ti permetterà in futuro di effettuare piccoli upgrade dell'hardware.

Tieni a mente questo aspetto quando scegli una PSU di potenza superiore: un alimentatore da 750 W non consuma necessariamente 750 W. Se il tuo sistema consuma 500 W, il tuo alimentatore erogherà 500 W, indipendentemente dalla sua capacità massima. Una potenza superiore non implica necessariamente un consumo maggiore di energia, ma permette di fornire più potenza al tuo sistema in caso di necessità. Detto questo, non esiste un vero vantaggio nell'avere una PSU eccezionalmente potente se il tuo sistema non ne ha bisogno, potrebbe quindi essere preferibile scegliere una PSU di potenza più vicina al tuo reale fabbisogno, ma con più funzionalità e maggiore efficienza.

Dovrai anche considerare le caratteristiche di potenza continua e potenza di picco della tua nuova PSU. La potenza di picco è la potenza massima che la PSU può erogare per brevi periodi di tempo, mentre la potenza continua si riferisce alla potenza erogata in modo continuativo per cui è stata progettata la PSU. La potenza di picco viene solitamente raggiunta quando il tuo sistema viene spinto al limite, come con i giochi più impegnativi o quando esegui benchmark hardware.

Se improvvisamente viene richiesta maggiore potenza, la tua PSU dovrebbe essere in grado di gestirla rapidamente, ma non devi aspettarti che questa maggiore potenza possa essere erogata in modo continuativo. Assicurati sempre che la PSU che acquisti abbia una potenza continua sufficiente e non sceglierla solo basandoti sulla sua potenza di picco.

Protezione

Come ci si aspetterebbe da qualsiasi soluzione che deve gestire potenze ingenti, la sicurezza del sistema è un fattore critico. Un buon alimentatore dovrebbe avere sistemi fail-safe integrati, non solo per preservare la PSU stessa, ma anche per proteggere il tuo sistema qualora insorgano imprevisti, come in caso di sovralimentazione.

L'alimentatore e la scheda madre sono i soli componenti per PC che si collegano direttamente a quasi ogni altro componente hardware nel tuo sistema. A causa della peculiare posizione della PSU nel layout del PC, assicurarsi che disponga di una protezione integrata può aiutare a garantire la sicurezza anche degli altri componenti hardware.

Vale la pena verificare se l'alimentatore che stai considerando dispone di sistemi di protezione integrata, come il sistema OVP (over voltage protection), che arresta la PSU quando viene rilevato un eccesso di tensione. Altre funzioni di sicurezza includono funzioni come la protezione da corto circuito, estremamente utile se si verificano fluttuazioni di potenza.

È inoltre consigliabile collegare il tuo PC a un protettore da sovratensione. Questi dispositivi di protezione hardware sono progettati per fornire al tuo sistema un ulteriore livello di protezione, isolando i componenti da potenziali picchi di corrente.

Considera l'efficienza

La potenza è certamente un fattore importante da considerare quando si sceglie un alimentatore per PC desktop, ma lo è anche l'efficienza della PSU. Un'alimentazione inefficiente porta a uno spreco di energia e alla generazione di più calore, fattori che possono potenzialmente ridurre la durata dei componenti.

Trattandosi di una considerazione così importante, esiste un sistema di valutazione indipendente relativamente semplice. È possibile che tu abbia già notato la sigla "80 Plus" su molti alimentatori, spesso si trova accanto all'indicazione di un metallo prezioso. Per ricevere questo tipo di classificazione, un alimentatore deve avere un'efficienza pari almeno all'80%, il che significa che al massimo il 20% dell'energia viene disperso come calore.

Questa classificazione di efficienza viene determinata dalle prestazioni in un sistema a 115 V e le valutazioni salgono man mano che la qualità dei metalli preziosi aumenta.

Tali elementi includono:

  • 80 PLUS
  • 80 PLUS Bronze
  • 80 PLUS Silver
  • 80 PLUS Gold
  • 80 PLUS Platinum
  • 80 PLUS Titanium

Maggiore è l'efficienza della tua PSU, minori sono l'energia consumata e il calore generato. Detto ciò, un'efficienza maggiore solitamente implica un prezzo superiore, è quindi necessario trovare la soluzione adatta alle tue esigenze.

Anche la PSU più efficiente genera calore e la maggior parte delle unità utilizza ventole per disperderlo. Molti alimentatori sono progettati per far sì che la ventola venga attivata unicamente quando necessario, ovvero, quando la PSU raggiunge una determinata soglia. Funzionalità come queste aiutano a ridurre il rumore.

Per chi punta al top, sono disponibili alimentatori con raffreddamento a liquido che garantiscono un'esperienza di utilizzo davvero silenziosa.

Preferenze di formato e cablaggio

Come con la maggior parte dei componenti per PC, sono disponibili numerose opzioni per quanto riguarda il formato dell'alimentatore.

Una considerazione importante per quanto riguarda il formato della PSU riguarda le dimensioni fisiche dell'unità. Per la stragrande maggioranza degli utenti che utilizzano PC desktop, dovrebbero essere sufficienti alimentatori standard di tipo ATX. Tuttavia, è importante assicurarsi che la PSU sia adatta al case, verificando che ci siano gli spazi necessari.

Qualora tu abbia un debole per i PC di tipo SFF, è consigliabile fare qualche ricerca in più per verificare che la PSU abbia spazio a sufficienza. Esiste un'ampia varietà di formati per PSU SFF, come SFX, CFX, ecc.; assicurati di trovare la PSU adatta alle tue esigenze, indipendentemente dalle dimensioni del tuo PC.

Un'altra considerazione importante per quanto riguarda gli attributi fisici della tua PSU è la distinzione tra modulare o non modulare.

Un alimentatore converte l'energia proveniente da una presa a parete e la trasferisce a ciascun componente del tuo sistema tramite cavi dedicati. Se il tuo alimentatore non è modulare, questi cavi verranno già saldati alla scheda di circuito, il che significa che non sarà possibile scegliere i cavi da utilizzare. Tutti i cavi, anche quelli che non usi, dovranno essere conservati nel tuo case.

Dal punto di vista funzionale non cambia molto, tuttavia, una gestione non ottimale del cablaggio potrebbe portare a un flusso d'aria non sufficiente ed è consigliabile assicurarsi che questi cavi extra non siano d'intralcio.

Con gli alimentatori modulari, al contrario, non vengono forniti cavi. Questo fattore modifica il processo di installazione, in quanto è necessario collegare ogni cavo alla PSU e al componente alimentato, ma significa anche che è possibile ottimizzare il sistema e utilizzare un numero inferiore di cavi. Ciò comporta una configurazione più pulita e un flusso d'aria potenzialmente migliore. La maggior parte degli utenti non utilizza tutti i connettori in dotazione con gli alimentatori standard, fattore che rende le unità modulari leggermente più pratiche.

Esiste anche una terza opzione, intermedia, definita “alimentatore semi-modulare". In questo caso, alcuni dei cavi utilizzati più di frequente sono già collegati alla PSU, mentre altri devono essere collegati.

Per sistemi di alimentazione modulari e semi-modulari, non è consigliabile associare cavi di produttori differenti, o persino modelli diversi dello stesso produttore, a meno che non sia specificato diversamente. Nonostante le estremità dei cavi che collegato i componenti nel tuo sistema siano di tipo standard, l'estremità che si connette alla PSU non lo è, il che significa che marchi diversi potrebbero avere collegamenti differenti. Ecco perché è necessario utilizzare i cavi forniti con il tuo alimentatore.

Potenza premium

L'assemblaggio di un PC è prima di tutto personalizzazione e gli alimentatori non fanno eccezione. Oltre a ciò di cui abbiamo parlato, è disponibile una serie infinita di funzionalità aggiuntive per gli alimentatori premium. Funzionalità come l'illuminazione RGB, collegamenti aggiuntivi, pulsanti di prova e misurazione dei consumi tramite collegamenti USB costituiscono soluzioni più avanzate, ma possono essere prese in considerazione.

Un accessorio after-market interessante è la guaina per i cavi di alimentazione. Questo tipo di cavi personalizzati permette all'utente di decidere il colore e il materiale dei cavi di alimentazione, opzione che apporta ulteriori livelli di personalizzazione alla tua configurazione. Si tratta di una soluzione puramente estetica, ma è un altro modo per aggiungere un tocco d'estro a un componente a volte trascurato.

Accendi le prestazioni del tuo PC

Non dovresti avere ripensamenti una volta scelto il tuo alimentatore.

Scegliere l'opzione giusta per il tuo sistema significa considerare molto più del migliore rapporto prezzo/potenza. Devi prendere in esame formato, efficienza, potenza, protezione e cavi di cui avrai bisogno, insieme a tutte le altre caratteristiche che cerchi.

Un buon alimentatore può durare molti anni e può avere un impatto enorme sull'efficienza del tuo PC, quindi prenditi il tempo necessario per fare la scelta giusta.

Il tuo PC ti ringrazierà per questo.