Come risolvere il problema del frame rate basso

Ecco alcuni metodi per migliorare il frame rate con l'hardware che già possiedi.1

Quasi tutti i giocatori hanno avuto a che fare con frame rate bassi. Spesso un gioco funziona bene, poi inizia improvvisamente a esitare quando il tuo personaggio entra in una grande città o in un ambiente complesso. Le immagini iniziano a sembrare una presentazione di slide, l'azione diventa visibilmente instabile quando sposti rapidamente la telecamera e gli oggetti in movimento, come capelli o striscioni, sono meno fluidi.

Tutto questo rende l'esperienza di gioco meno coinvolgente, ma qual è la causa? Il frame rate, misurato in fotogrammi al secondo (FPS), indica il numero di volte in cui l'hardware grafico rielabora la schermata ogni secondo. La scheda grafica, la CPU e la RAM sono tutte coinvolte nello sforzo comune di creare geometria, texture, illuminazione ed effetti che compongono ognuno di quei fotogrammi.

Quando un componente di questa catena provoca un collo di bottiglia, ad esempio, perché la CPU chiede alla GPU di eseguire il rendering di troppi oggetti contemporaneamente, il PC riesce ad elaborare un minor numero di fotogrammi al secondo. Un frame rate ridotto può essere causato da un codice non ottimizzato, anomalie o impostazioni di gioco che producono un carico di lavoro maggiore di quello che l'hardware può gestire.

La misurazione dei fotogrammi al secondo non nasce con i videogiochi. I film sono proiettati tradizionalmente a 24 FPS, il che significa che ogni secondo 24 immagini fisse compaiono sullo schermo. Nei giochi, tuttavia, 24 FPS possono risultare in immagini instabili e innaturali.

Se confronti fianco a fianco lo stesso gioco in esecuzione a 30 FPS e a 60 FPS, ti accorgerai immediatamente della differenza: a frame rate più alti, il gioco appare più fluido e realistico. I giochi per PC possono spesso raggiungere frame rate più elevati rispetto ai titoli per console di ultima generazione, ma il vero vantaggio dei giochi per PC è la libertà di ottimizzare le impostazioni e trovare il frame rate più adatto per l'hardware a disposizione, in particolare il monitor.

La frequenza di aggiornamento del monitor è un buon riferimento per il frame rate di gioco. Se il tuo monitor ha una frequenza di aggiornamento di 60 Hz, non potrai apprezzare i vantaggi di frame rate superiori a 60 FPS, poiché il monitor non si aggiorna abbastanza velocemente da tenere il passo con l'output della tua GPU. Tuttavia, se possiedi già un display con una frequenza di aggiornamento più elevata, ad esempio 144 Hz, vedrai immediati vantaggi sullo schermo raggiungendo frame rate più elevati.

Quindi, come si aumenta il frame rate? Avere una CPU più veloce, più RAM o una scheda grafica più recente può certamente aiutare. Tuttavia, è necessario prima aggiornare il software e regolare le impostazioni per scoprire se è possibile ottenere frame rate più elevati senza apportare importanti modifiche al sistema.

Esaminiamo alcune potenziali soluzioni.

Soluzioni generali

Chiudi tutti i processi in background
Innanzitutto, assicurati che nessun altro programma stia rallentando il sistema. Apri Gestione risorse (CTRL + MAIUSC + ESC), quindi fai clic sulle schede CPU e memoria per verificare se qualche attività sta utilizzando grandi quote di CPU o RAM (ad esempio, il browser Web con dozzine di schede aperte).

Aggiorna i giochi
Successivamente, assicurati che il gioco stesso sia aggiornato. Soprattutto all'inizio del ciclo di vita di un gioco, gli sviluppatori rilasciano patch che possono avere un grande impatto sulle prestazioni. Abilita gli aggiornamenti automatici per assicurarti di non perderteli mai.

Aggiorna i driver
Aggiorna tutti i driver. Nuovi driver grafici per GPU discrete e integrate vengono rilasciati regolarmente per ottimizzare le prestazioni per i giochi più recenti. Usa l'utility del produttore per scaricare questi driver.

Se stai utilizzando un processore Intel® Core™ (di quarta generazione o successivo) con grafica integrata, prova a cercare su gameplay.intel.it per trovare le impostazioni consigliate. Le utility per schede grafiche discrete possono anche rilevare automaticamente i giochi installati. Se la tua utility ha questa funzionalità, assicurati che abbia riconosciuto il gioco che desideri ottimizzare. In questo modo, potresti ottenere miglioramenti immediati delle prestazioni.

Ripara le installazioni
Se le prestazioni di un gioco sono inspiegabilmente scarse, prova a riparare l'installazione. In Steam puoi farlo aprendo la scheda Libreria, facendo clic con il pulsante destro del mouse sul gioco e quindi facendo clic su "Proprietà". Una volta aperta la finestra Proprietà, fai clic sulla scheda "File locali", quindi su "Verifica integrità dei file di gioco".

Impostazioni di gioco

Sinistra: antialiasing disattivato | Destra: antialiasing attivato

La maggior parte dei giochi analizzerà automaticamente il tuo PC dopo l'installazione per definire impostazioni personalizzate. Tuttavia, se stai leggendo questo articolo, potresti aver scoperto che queste impostazioni non danno al frame rate la priorità che vorresti. Ecco alcune impostazioni comuni da attivare (o disattivare) per migliorare visibilmente le prestazioni.

Le impostazioni delle ombre possono coinvolgere una serie di tecniche di mappatura delle ombre con un diverso impatto sulle prestazioni, dai volumi d'ombra, molto impegnativi per la CPU, a tecniche molto impegnative per la GPU, come il ray tracing, che calcola tutti i raggi di luce provenienti da ogni singola sorgente luminosa. Queste tecniche permettono di levigare i bordi irregolari, rappresentare accuratamente le forme che proiettano ombre e contribuire a far coincidere le ombre con i movimenti della loro sorgente.

Il miglioramento di queste impostazioni produrrà ombre più morbide, ma lasciandole a un livello medio o basso si potrebbe ottenere un incremento del frame rate, con un impatto estetico minimo nei titoli più frenetici.

L'antialiasing (AA) leviga i bordi frastagliati (un artefatto chiamato "aliasing") che appaiono sugli oggetti digitali composti da pixel quadrati. Le tecniche di antialiasing acquisiscono campioni di pixel su schermo per dedurre il colore corretto dei pixel vicini, quindi riempiono gli spazi vuoti per levigare i bordi irregolari.

Ridurre il numero di campioni acquisiti (da 4x a 2x, ad esempio) è un primo passo per migliorare le prestazioni. Dopodiché, scopri le tecniche AA che per quel gioco sono meno impegnative per la GPU: FXAA, ad esempio, ha un impatto minore rispetto a MSAA. Se i problemi di prestazioni persistono, prova a disattivare completamente l'AA per vedere se i bordi irregolari sono accettabili.

L'antialiasing si può ottenere creando una versione ad alta risoluzione della scena, campionando i dati di colore da questa, quindi eseguendo un downsampling (essenzialmente, un rimpicciolimento) per adattarla alla risoluzione del display. La MSAA (Multi-Sample Anti-Aliasing) è una tecnica che fa proprio questo, rilevando i bordi e cercando di levigarli.

Al contrario, la FXAA (Fast Approximate Anti-Aliasing) è una tecnica di post-elaborazione che ha effetto al termine del rendering. Questa sfoca le linee frastagliate anziché migliorarne l'aspetto con il downsampling, il che ha un minore impatto sulle prestazioni del gioco rispetto alla MSAA.

La TXAA è una forma di antialiasing temporaneo che utilizza dati di più fotogrammi. La TXAA si concentra sul miglioramento dell'aspetto degli oggetti in movimento e ha un impatto variabile sulle prestazioni.

I riflessi dinamici potrebbero richiedere al tuo hardware di effettuare due volte il rendering della stessa scena (o di una versione della stessa scena), con un significativo aumento del carico per la tua GPU. In uno sparatutto frenetico, raramente potrai fermarti ad ammirare la scena riflessa da una finestra; prova a sacrificare la qualità dei riflessi per vedere se questo ti regala frame in più.

L'occlusione ambientale migliora i punti di giunzione tra texture, luci e ombre adiacenti. Si tratta di dettagli davvero minuti, ai quali potresti provare a rinunciare (disattivando la funzione) prima di ridurre la qualità delle texture stesse.

Sinistra: illuminazione volumetrica attivata | Destra: illuminazione volumetrica disattivata

L'illuminazione volumetrica dona profondità ai raggi di luce, permettendo ai giocatori di vedere attorno a sé polvere o altre particelle in movimento, come il fumo. Questi volumi di luce, talvolta detti "raggi crepuscolari", hanno un peso significativo in alcuni giochi.

Gli effetti di motion blur simulano il funzionamento di una telecamera tradizionale sfocando gli oggetti sullo sfondo mentre la prospettiva del giocatore si sposta. Benché questa funzione possa aiutare a mascherare frame rate bassi, l'effetto artificiale ha spesso un impatto sulle prestazioni. Se preferisci uno stile più cinematografico, lascia questa impostazione attivata; se preferisci la chiarezza digitale, guarda come appare il gioco dopo aver disattivato l'opzione.

Infine, la risoluzione ha un impatto enorme sulle prestazioni. Più pixel in ogni fotogramma comportano un maggiore carico di lavoro per il rendering della GPU. Se non hai le prestazioni che desideri a 1080p, prova a ridurre la risoluzione a 720p: potresti migliorare la giocabilità senza influire in modo significativo sull'aspetto del gioco. Prova e valuta se il guadagno in termini di frame rate compensa la minore fedeltà visiva.

Alcuni giochi hanno un'impostazione chiamata "render scaling" che permette di sottocampionare o sovracampionare l'immagine. Oltre il 100%, questa opzione rende le immagini leggermente più nitide eseguendo il rendering a una risoluzione più elevata, per poi riportare il frame alla risoluzione del display. Al di sotto del 100%, fa il contrario, eseguendo il rendering del gioco a una risoluzione inferiore, per poi ingrandire il frame alla risoluzione del display. In questo modo si riduce la nitidezza, ma si migliorano le prestazioni. Gli elementi dell'HUD (come le barre della salute) non subiscono lo stesso trattamento, quindi l'effetto generale può risultare più piacevole della vera e propria riduzione della risoluzione.

Benché ridurre la risoluzione in single player potrebbe non essere una prospettiva allettante, il discorso spesso cambia quando si gioca online. Nei giochi competitivi che richiedono reazioni veloci, molti giocatori si fermano a 1080p o meno per poter avere frame rate più elevati e costanti. In entrambi i casi, la maggior parte dei professionisti riferisce di giocare con una risoluzione di 1080p e frame rate elevati (144 FPS o più).

Dettagli o prestazioni

Quando l'aggiornamento dei driver o del gioco non migliora il frame rate, di solito l'ottimizzazione manuale delle impostazioni è l'unica carta che rimane da giocare. In questo contesto, inizia con il sacrificare i tre giganti: ombre, riflessi e illuminazione. Quindi cerca online informazioni di assistenza sulle opzioni più critiche per le prestazioni del gioco che ti interessa.

Se ti accorgi che stai sacrificando troppa qualità grafica per raggiungere il frame rate obiettivo, c'è sempre un'altra opzione: passare a un nuovo sistema con GPU e CPU più veloci. Una scheda grafica più recente può aiutarti a eseguire rapidamente il rendering delle scene a una risoluzione più elevata e una maggiore potenza della CPU può aiutare il tuo sistema a gestire un gran numero di oggetti su schermo, oltre a diversi effetti di post-elaborazione. Quindi, se l'hardware che hai attualmente non è all'altezza, prendi in considerazione l'acquisto di un nuovo sistema di alto livello per il gaming.

Informazioni su prodotti e prestazioni

1

Intel e il logo Intel sono marchi di Intel Corporation o di società controllate da Intel negli Stati Uniti e/o in altri Paesi.

*Altri marchi e altre denominazioni potrebbero essere rivendicati da terzi. (Quando si utilizzano marchi e nomi di terze parti).