Cosa cercare in un monitor da gaming HDR

In primo piano:

  • Cos'è l'HDR?

  • Configurazione HDR

  • Programma HDR monitor VESA

  • Luminosità di picco

  • Profondità del colore

BUILT IN - ARTICLE INTRO SECOND COMPONENT

Che cos'è l'HDR e perché è importante? Trattiamo di tutto ciò che devi sapere per sfruttare questa potente tecnologia di monitor e ottenere il massimo dal tuo schermo per il gaming.1 2 3 4

Con oltre 150 monitor in grado di trasmettere video HDR (High Dynamic Range) verificabili,5 e molti altri che dichiarano miglioramenti visivi HDR, i monitor per PC HDR stanno diventando estremamente popolari. Tra questi ci sono i monitor da gaming HDR 4K.

ASUS, Acer, MSI e AOC propongono tutti monitor da gaming HDR nel loro portafoglio di prodotti, oltre ai monitor a gamma dinamica standard (SDR) ancora comunemente utilizzati. Tra gli attuali monitor da gaming HDR, alcuni modelli offrono solo piccoli miglioramenti rispetto ai monitor SDR. Altri, invece, sono in grado di offrire vere esperienze HDR. Può essere difficile distinguere un monitor HDR di qualità da uno scadente, perché tutti vengono pubblicizzati come HDR.

Tenendo conto di questo aspetto, è importante sapere cosa cercare quando si acquista un monitor. Per sfruttare al meglio l'HDR, è necessario che il monitor abbia la giusta combinazione di funzionalità.

Tecnologie HDR

Ma cosa significa "HDR" in che modo? In linea di massima, i monitor HDR offrono un miglior rapporto di contrasto, ovvero una distinzione più netta tra le aree chiare e scure di un'immagine. Questi monitor adottano una maggiore luminosità e livelli di nero più profondi per mostrare immagini con un contrasto più elevato.

Oltre a migliorare luminosità e toni scuri, i monitor HDR spesso impiegano tecnologie più avanzate per la gestione del colore. I monitor con una maggiore profondità di bit, come il supporto per i colori a 10 bit, possono visualizzare un numero maggiore di colori per offrire transizioni più fluide tra i diversi toni cromatici.

Una maggiore profondità di bit migliora anche la resa cromatica, permettendo di riprodurre più fedelmente gli effetti della luce sui colori.

Inoltre, i monitor con uno spazio cromatico, o gamut, più ampio sono in grado di riprodurre immagini più vivaci e colorate.

Configurazione HDR

Le tecnologie di illuminazione e colore HDR rendono semplicemente i giochi più belli. Per iniziare a giocare in HDR, hai bisogno di tre cose:

  • Un gioco che supporti l'HDR
  • Un computer con un processore e una scheda grafica in grado di eseguire contenuti HDR
  • Un monitor HDR

Giochi HDR

Un gioco deve supportare nativamente la tecnologia HDR per poter sfruttare i vantaggi di un monitor da gaming HDR. La maggior parte dei giochi pubblicati prima del 2017 non supporta l'HDR. Tuttavia, da allora il numero di giochi compatibili è cresciuto costantemente. Giochi che supportano HDR6 includono Far Cry 5, Destiny 2, Battlefield 5, PlayerUnknown's Battlegrounds e Metro Exodus, per citarne alcuni.

Sistema HDR

Il tuo sistema deve essere all'altezza. I requisiti hardware per la riproduzione di immagini HDR sono relativamente modesti e i componenti compatibili con l'HDR sono comuni nei PC più recenti. Un sistema con il seguente hardware, ad esempio, è in grado di supportare un monitor HDR 4K:

  • Un processore Intel® Core™ di settima generazione o migliore7
  • Una scheda Nvidia* GTX serie 10, Nvidia* RTX serie 20 o una scheda video AMD* Radeon serie 5 o superiore

Se guardare contenuti HDR non richiede necessariamente un sistema molto potente, i giochi in HDR impongono invece maggiori esigenze. Tali esigenze saranno ancora maggiori per i monitor ultrawide e i monitor con risoluzioni più elevate, come 1440p o 4K.

Monitor HDR

Innanzitutto, un monitor da gaming HDR dovrebbe offrire la frequenza di aggiornamento e il tempo di risposta adatti ai tuoi giochi preferiti. (Per maggiori indicazioni, leggi qui per saperne di più sulle tecnologie dei monitor.) Molti monitor HDR sul mercato utilizzano pannelli ISP con tempi di risposta più lenti e frequenze di aggiornamento inferiori rispetto ai pannelli TN tradizionalmente utilizzati per i monitor da gaming, quindi cerca un monitor HDR appositamente progettato per il gaming. Sono disponibili monitor HDR con frequenze di aggiornamento di 144 Hz e tempi di risposta di 4 ms, ma sono più cari.

Un monitor HDR deve supportare un formato HDR, come HDR10, HDR10+, DolbyVision e HLG. Si tratta di standard di codifica video utilizzati per comprimere e decomprimere i file video, ognuno con propri vantaggi specifici.

Tieni presente che gli standard di codifica possono essere fuorvianti. Il supporto dichiarato per gli ingressi HDR10, HDR10+, DV o HLG non indica di per sé il livello qualitativo del monitor o le sue prestazioni effettive; significa solo che quel monitor può decodificare correttamente i contenuti HDR di un segnale video. Uno schermo deve effettivamente essere in grado di visualizzare contenuti HDR, aspetto sul quale molti display pubblicizzati come compatibili con l'HDR non si dimostrano all'altezza del marchio.

Un consiglio prezioso: dal momento che la maggior parte dei giochi HDR supporta il formato HDR10, cerca un monitor che supporti lo standard HDR10.

Oltre a cercare un monitor in grado di ricevere un segnale HDR, assicurati che abbia anche potenzialità hardware adeguate. Per riprodurre contenuti HDR, un monitor dovrebbe avere le seguenti specifiche hardware:

  • Luminosità massima: 400 cd/m² o più, preferibilmente
  • Livelli di nero (pixel pitch): 0,40 mm o inferiore
  • Profondità di colore: 10 bit (8+2 bit)
  • Spazio colore: copertura DCI-P3 del 90% o superiore
  • Attenuazione locale della retroilluminazione

Standard di visualizzazione VESA

Il modo più semplice per stabilire se un monitor è in grado di riprodurre davvero contenuti HDR è cercare il logo VESA* DisplayHDR. Questo logo garantisce che le specifiche del monitor sono state testate e verificate dal programma VESA Display HDR, l'unico standard globale aperto per HDR. Il programma è stato creato per dare una certa uniformità alle specifiche estremamente variabili dei monitor HDR sul mercato.

Il programma classifica i monitor HDR in sette livelli. Questi livelli sono fondamentalmente definiti dalla luminosità massima del monitor, ma tengono conto anche di attenuazione locale, profondità cromatica e gamut. Un monitor del primo livello, DisplayHDR 400, soddisfa le specifiche minime richieste per visualizzare contenuti HDR, mentre un monitor con certificazione di livello superiore avrà capacità HDR maggiori.

Luminosità massima

La luminosità massima permette di illuminare piccole aree luminose di un'immagine senza influire sulle aree circostanti. Ad esempio, in un cielo notturno le singole stelle possono essere luminose mentre il resto rimane buio pesto.

Una luminosità massima di 600 cd/m², misura della quantità di luce che può essere emessa dallo schermo, dovrebbe essere considerata un requisito minimo per una vera resa HDR. La maggior parte degli schermi HDR di base ha un livello di luminosità di 400 cd/m². Sono un passo avanti rispetto ai monitor SDR, che in genere hanno un rating di luminosità che varia da 250 a 350 cd/m², ma non possiedono "zone di dissolvenza locali", una caratteristica fondamentale degli schermi di qualità HDR.

L'attenuazione locale (local dimming) consente alla retroilluminazione del monitor di oscurare lo schermo in singole zone, migliorando così il contrasto tra chiari e scuri di un'immagine. Non è sempre così chiaro se un monitor supporta l'attenuazione locale, ma dovrebbe essere indicato nelle specifiche.

Profondità di colore

Sebbene fuorviante, un monitor con una profondità di colore di 8+2 bit non rappresenta un problema. Quasi tutti i monitor HDR utilizzano un pannello a 8 bit con 2 bit di dithering per approssimare la varietà cromatica superiore della vera profondità di colore a 10 bit. Questi pannelli sono chiamati pannelli a 8+2 bit.

Sebbene i pannelli a 8+2 bit siano spesso commercializzati come pannelli a 10 bit, non sono allo stesso livello dei pannelli a 10 bit reali, che attualmente costano il doppio o il triplo. Detto questo, i monitor a 8+2 bit sono un passo avanti rispetto ai monitor SDR, che in genere utilizzano pannelli a 6+2 bit. Approfondisci il tema della profondità di colore qui.

Conclusione: una vera esperienza di gioco HDR

Con la sua straordinaria luminosità, neri profondi e colori vivaci, un monitor da gaming HDR può spingere la grafica dei giochi oltre i limiti qualsiasi monitor SDR, ma solo con il giusto corredo di funzionalità e specifiche. Assicurati che il tuo monitor HDR sia in grado di offrire una vera esperienza HDR.

Per informazioni approfondite sulle specifiche hardware HDR, come profondità di colore, spazio colore, livelli di nero e zone di attenuazione locali, consulta la nostra guida completa ai monitor da gaming, che tratta tutto ciò che devi sapere sulle tecnologie dei monitor da gaming.

Informazioni su prodotti e prestazioni

1

Intel non controlla né verifica dati di terze parti. Si consiglia di controllare questi contenuti, consultare altre fonti e verificare se i dati riportati sono accurati.

2

Intel, il logo Intel e Intel Core sono marchi di Intel Corporation o di società controllate da Intel negli Stati Uniti e/o in altri Paesi.

3

*Altri marchi e altre denominazioni potrebbero essere rivendicati da terzi.

4

© Intel Corporation.